• Home
  • Artisti
  • Archivio mostre
  • Cataloghi
  • Contatti
  • Quello che rimane
     
    Sergio Scabar
    Giovanni Fierro
     
    10 – 31 ottobre 2018
    studiofaganel
     
    a cura di Sara Occhipinti e Marco Faganel
     
     
    INAUGURAZIONE + PRESENTAZIONE CATALOGO
    mercoledì 10 ottobre 2018 ore 18.00 presso studiofaganel
    con letture di Giovanni Fierro 
    e intervento di Franco Perazza 
     
    In occasione della Giornata Mondiale della Salute Mentale
     
     
    “Quello che rimane” è il titolo della personale di Sergio Scabar curata dallo studiofaganel. La mostra verrà inaugurata il 10 ottobre, in occasione della Giornata Mondiale della Salute Mentale. 
     
    Dal 1964 alla fine degli anni 70, Scabar sperimenta generi e linguaggi, in particolare affrontando la fotografia con finalità di racconto e reportage. Negli anni ’80, dopo un breve intercorso nel linguaggio fotografico concettuale, Scabar approda a una fotografia incentrata sulla rappresentazione della natura e degli oggetti, fedele alla tecnica analogica e alla stampa ai sali d’argento. Le sue fotografie sono delle contemporanee nature morte, spesso esteticamente accostate alla pittura fiamminga, a quella di Giorgio Morandi e di Jean-Baptiste-Siméon Chardin. 
    I lavori presentati in questa mostra appartengono a tre diverse serie. 
    Una prima serie dal titolo “Interno di un interno di un Ospedale Psichiatrico” (1976) è un reportage di una festa di Natale in uno dei padiglioni dello psichiatrico nel Parco Basaglia di Gorizia. Quella struttura che, dietro la guida di Franco Basaglia e del suo team, all'inizio degli anni ’60 aveva avviato la prima esperienza anti-istituzionale nella cura dei disturbi psichiatrici trasferendo il modello della comunità terapeutica all'interno dell'ospedale. 
    Le immagini di questa serie sono in una sequenza serrata, come fotogrammi di un film. Scabar si trova inizialmente inserito tra le persone e l’ambiente per poi gradualmente allontanarsi dalla stanza e dal luogo dove avviene la festa e immergersi nel buio della notte. Un clima di serenità e distensione, di reale umanità, emerge attraverso questa indagine-sopralluogo che ha la durata di una pellicola, di una festa.
    Il secondo progetto titolato “Autoanalisi” (1978), pur sfiorando il tema del disagio psichico, intende occuparsi di linguaggio fotografico concettuale. Un vero e proprio “percorso visivo” attraverso gruppi di tre immagini identiche, un autoritratto dell’artista, sottoposte a degli interventi meccanici o chimici sempre più invasivi e distruttivi. 
    Quello che l’immagine subisce rimanda, anche se in maniera non del tutto intenzionale, al concetto di auto analisi, d’indagine di sé. Ogni sequenza di tre sembra rappresentare un diverso disagio o malessere che, di volta in volta, finisce con il mutare o perfino ledere l’identità del soggetto. 
    Chiude la mostra una fotografia del 2017 in cui un cumulo di scarpe dismesse e rovinate può essere vista come simbolo dell’abbandono dell’identità sociale da parte dei malati psichiatrici all’ingresso nei manicomi. 
     
    Durante il vernissage sarà presentata la pubblicazione “Quello che rimane” con le fotografie di Sergio Scabar e i testi di Giovanni Fierro, tutti inediti. I due artisti, che per la prima volta collaborano, con i loro lavori fatti di immagini e di parole, dialogano sul tema della salute mentale, si soffermano con la stessa curiosità e delicatezza sull’umanità dei “lunatici”. 
     
     
    Catalogo
     
    Fotografie 
    Sergio Scabar
     
    Testi 
    Giovanni Fierro
     
     
    Prefazione
    Sara Occhipinti
     
    Progetto grafico
    Andrea Occhipinti
     
    Stampa 
    Poligrafiche San Marco, Cormons (Gorizia)
     
     
     
    info-indirizzi
     
    studiofaganel
    Viale XXIV maggio 15/c, 34170 Gorizia
    +39 0481 81186

     

    studiofaganel.com
     
    [
    05-10-2018
    ]